Da dove cominciare?

PH Porto Profumato

© 2016 Porto Profumato Tutti i diritti riservati

La prima domanda che i genitori si pongono in merito al Babywearing è:

che fascia devo comprare?

Il panorama che si presenta ai nostri occhi è vastissimo e si rischia davvero di perdere la testa.

Marche, misure, tessuti, disegni, costi… Di fronte a questa vastissima scelta anche il più convinto sostenitore del portare in fascia potrebbe demordere e ripiegare su un bel marsupio strutturato.

Niente di male, ci mancherebbe, ma considerando il fatto che l’uso di un marsupio ergonomico è vivamente consigliato dai 5/6 mesi in poi, rischiamo di perderci i primi tenerissimi mesi a contatto con il nostro bimbo.

 

Cosa consiglio?

Innanzitutto di partire da una buona marca.

Pensare di comprare una fascia low cost senza le caratteristiche giuste con la scusa del “se poi non gli piace” rischia di compromettere il vostro approccio con il portare.

Se non volete rischiare l’acquisto, affidatevi a una fascioteca dove potete vedere e toccare con mano diverse marche e tessuti gratuitamente.

Molte fascioteche prevedono anche il noleggio dei supporti.

Se non avete fascioteche a disposizione, il mio consiglio è di acquistare una fascia tessuta (rigida) taglia 6 (4.60 m) utilizzabile per tutte le legature, 100% cotone.

Sicuramente una Didymos è la scelta più azzeccata, ma potete affidarvi anche a Hoppeditz, Neobulle, Little Frog che sono marche più a buon mercato. Se decidete di acquistare una di queste ultime, vi raccomando solo il 100% cotone in quanto altri filati come lino, bambù, canapa, ecc. sono molto più preziosi e costosi e, se di qualità, non li trovate certo a prezzi ridotti. Rischierete quindi di acquistare una fascia di pessima qualità, attratti dal prezzo conveniente di questi blend.

Altra cosa da tenere in considerazione è la grammatura, quel numerino che trovate tra le caratteristiche tecniche della fascia che state guardando (g/m2), ossia il suo spessore e la sua corposità. Più è alta la grammatura, più spessa e sostenitiva sarà la fascia. Con un neonato ci dobbiamo orientare su un peso medio basso per non rischiare di avere un tessuto troppo pesante e difficile da lavorare, e che non ci permette di creare il giusto sostegno al nostro bambino.

Tra le caratteristiche tecniche di una fascia non può mancare la trama diagonale (saia batavia), una particolare tecnica di tessitura che, oltre alla resistenza, dà una piacevole elasticità in diagonale, permettendo di distribuire equamente il peso senza creare punti di tensione.

La trama è ariosa e morbida e facile da lavorare .

Comprare una fascia di marca anziché del semplice tessuto di merceria vi dà la sicurezza di tessuti certificati e l’utilizzo di tinture atossiche (noterete con quanto vigore il vostro bimbo amerà ciucciare il tessuto). Inoltre avrete la garanzia di tessuti anti strappo, naturali e durevoli.

Discorso a parte merita la fascia elastica.

Morbida, taglia unica (circa 5 metri) , composta da cotone e spesso elastane, sembrerebbe più facile da usare.

È confortevole fino ai 6/7 kg poi cede sotto il peso del bambino, facendo perdere la posizione ergonomica delle gambe e la giusta altezza della testa, costringendoci a continui ritocchi della legatura.

Allora perché c’è scritto fino ai 15 kg nelle confezioni?

Pubblicità? Marketing?

Già, quei 15 kg si riferiscono al peso sopportato dal tessuto prima di strapparsi. Quindi parliamo di un’altra cosa rispetto al sostegno necessario per una buona legatura e di conseguenza al comfort di mamma e bambino.

Inoltre con fascia elastica è possibile effettuare una sola legatura in sicurezza, ossia il triplo sostegno davanti.

Consiglio l’elastica per bimbi prematuri o piccolini, con un peso non troppo importante alla nascita.

D’estate meglio non usarla in quanto è davvero poco traspirante rispetto alla trama più fresca e ariosa di una fascia rigida.

Riepilogando. Consiglio:

– fascia tessuta in cotone 100%

– taglia 6

– grammatura media (220-250)

– costo 60/120€

– marche: Didymos, Hoppeditz, Neobulle, Little Frog

foto da jeportemonbebe.com
1 commento

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento