Il grande giorno: la scuola internazionale

PH Porto Profumato

© 2016 Porto Profumato Tutti i diritti riservati

Ok. Ci siamo.

Domani è il grande giorno.

Il primo colloquio di Francesco, la prima interview per entrare finalmente a far parte del sistema scolastico.

Interview.

Si ho scritto bene.

Alla veneranda età di due anni e spicci già iniziamo con i colloqui.

Colloquio su che cosa poi, che qui siamo fermi a mamma, cacca, Paw Patrol e apple?

Va beh, dai, magari qualche parola in più la dice, ma siamo ben lontani dal costruire una frase di senso compiuto e azzeccare il congiuntivo esatto.

Mettici poi che sarà tutto in inglese…addio sonno per stanotte!

Alla fine si tratta di passare 30 (lunghissimi) minuti in un gruppo di bambini a fare chissà quale attività ed essere valutato come idoneo o meno di far parte della scuola internazionale, classe K1 che corrisponde al primo anno della nostra materna/ scuola dell’infanzia.

Bene dai!!

Ho 24 ore per togliere il pannolino, nascondere il ciuccio, insegnargli 100 vocaboli e scongiurarlo di non portarsi dieci dinosauri con lui.

Perché, si sa, ciuccio e oggetti di transizione sono segni di insicurezza.

E qui non vogliamo bimbi insicuri.

In effetti anche la questione ciuccio è complicata. Qui nessuno lo usa. Ma lui non molla!

Ma non dovevano evolvere tramite imitazione ‘sti bambini?

Perché Franci il concetto di imitazione lo ha capito benissimo: fare lo scivolo a testa in giù, arrampicarsi dove non dovrebbe, lanciarsi con il monopattino giù per le scale…

Certo.

La verità è che credevo di dovermi preoccupare… che ne so… al massimo al liceo! Ma qui la realtà à un’altra!

La competizione è altissima e i bimbi ce l’hanno nel DNA. Per loro è normale essere valutati e affrontare prove fin dalla tenera infanzia.

Ma per Franci, no! Per lui ora è tutto un saltare, gridare all’impazzata e lanciare giochi in aria!

Pensavo che a due anni fosse più che sufficiente per entrare all’asilo!

Sarà per questo che lui è qui che continua a giocare sereno e io invece seduta a rodermi il fegato.

To be continued…

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento